Poesie

Senza Nome

A volte sono l’intima stanza che scrive
e qui non mi accorgo del buon Dio
che l’estro tramuta.
Non più la pagina immacolata
ma il fuso caciocavallo e l’origano
di una sfiziosa bruschetta.
Non più la penna
ma il fresco …

Battuti

Dal dorato tam-tam di pochi
il vivere male di tanti
Di ieri eravamo grandi pittori e
geni inventori
di oggi la crisi nel bozzo vischioso.
Con i sogni alla deriva
in bilico tra chi è Molto ricco
tatuato Molto sociale…

Stagnante Tristezza

Sei come una casa chiusa
nella nebbia che va
stantia ai vani
e gocciolante al lavabo
stagnante di tristezza.

Ecco i sogni le voglie
i desideri di ieri e di oggi:
solo una melma oscura
che va a riempire
crepe …

Perché ogni giorno è Natale

Taci anima mia
Anche se l’estate è finita
Lascia che la nostalgia
Si accartocci nei giorni
Di foglie e di grigio.

Coi primi freddi
Già l’aria s’illumina a festa
E mentre cinguetta migrando,
Profuma di panettone.

Fra poco è Natale!…