foto mia

Battuti

Dal dorato tam-tam di pochi
il vivere male di tanti
Di ieri eravamo grandi pittori e
geni inventori
di oggi la crisi nel bozzo vischioso.
Con i sogni alla deriva
in bilico tra chi è Molto ricco
tatuato Molto sociale
e chi è Molto povero
affamato Molto malato.
Impressionati dalla violenza
assopiti nella coscienza
denutrito l’innocente tanto
quanto tetro è l’avvenire.
Eppure spargo fiducia
per noi connessi a un registro
più giusto e onesto
che accoglie sincero
e dà sicurezza.
Allora sì che siamo Terra
di un’alba operosa
e di un tramonto sereno.
Allora sì che viviamo
in questa luce
il divino che siamo.


Qui, un articolo di appena un anno fa che racconta la sua, per dimostrarci come siamo arrivati fin qua: http://espresso.repubblica.it/attualita/2017/12/11/news/i-giovani-di-oggi-ne-ribelli-ne-debosciati-sono-la-copia-conforme-dei-loro-genitori-1.315832

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter
LinkedIn
INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *