Stagnante Tristezza

Sei come una casa chiusa
nella nebbia che va
stantia ai vani
e gocciolante al lavabo
stagnante di tristezza.

Ecco i sogni le voglie
i desideri di ieri e di oggi:
solo una melma oscura
che va a riempire
crepe di un terremoto.

Oh, Primavera che non sei qui
scaccia la nebulosa
apri le finestre al gorgheggio
asciuga il mucido animo

Presto al rinverdire
sboccia un tulipano rosso!

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter
LinkedIn
INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *